07 febbraio 2008

appunti di viaggio

durante una giornata leggo molto
passo da un argomento all'altro
e quando navigo in internet
mi faccio guidare anche dalle immagini

di solito cerco di tenere traccia dei miei spostamenti
con una mappa mentale per raccogliere nuovi stimoli e idee

mi rendo conto che se facessi una mappa digitale
potrei linkare alla parola chiave i siti più interessanti
e avere la comodità di ritrovare le informazioni più velocemente

ma in questo periodo non riesco proprio a fare a meno
di quel triangolo magico mano-matita-carta
che francesco vignotto descrive molto bene
nel post questione di tatto

giorni fa la pagina bianca e la matita veloce
mi hanno aiutato a prendere questi appunti



sono partita dalla visibilità di italo calvino
per poi osservare come vanda north aveva rappresentato i sensi
in una mappa che spiega come rendere creativa un'organizzazione




i sensi mi hanno ricordato leonardo da vinci
e poi mi hanno fatto scoprie due artisti contemporanei fischli & weiss
che a milano presentano altri fiori altre domande



Nell'opera di Fischli & Weiss il confine tra arte e realtà diventa una questione puramente spirituale: un'interpretazione basata sulla decisione intima di ciascuno di noi di vedere ciò che ci circonda in maniera diversa. Questa scelta acquista perfino una dimensione mitica. Attraversare il confine tra arte e realtà diventa quasi una conversione religiosa, un'illuminazione che ci consente di percepire ciò che è familiare da un nuovo punto di vista e di contemplare ciò che è nascosto sotto la superficie delle cose. (Boris Groys)

è stato un breve ma inteso viaggio
e ora ho già voglia di ripartire ;)

1 commento:

Francesco Vi ha detto...

A cavallo di una matita la mano scorrazza qua e là per il foglio come in bicicletta. Niente a che vedere con le mulattiere piene di buche del copia-incolla-linka.

Analogico? Più digitale di così...

Grazie per la citazione!